Vai al contenuto

51520558_2348171318735993_2462762186288660480_n.jpg

“Fanno la guerra ai poveri e la chiamano riqualificazione. Resistiamo ai padroni della città”.
Il corteo di ieri si è concentrato in Piazza Castello dietro a questo striscione. Un corteo folto, vario ma determinato a rendere concreta e visibile l’ostilità contro coloro che governano e traggono profitto da questa gestione della città. Un corteo che fin dalla sua partenza ha scandito slogan per ricordare i compagni e le compagne arrestati in concomitanza allo sgombero dell’Asilo. Sia i sei accusati di associazione sovversiva per la lotta contro i Cpr, sia i fermati durante la giornata di giovedì.
Il clima che si respirava era quello di un’intensa partecipazione emotiva agli eventi dei giorni passati e di una rabbia crescente verso la militarizzazione di una consistente parte del quartiere Aurora, una presenza poliziesca che non accenna a diminuire anche nella giornata di oggi e che ci restituisce il gusto e il senso di quella tanto agognata “normalità” che la sindaca vorrebbe imporre alla città.
Si è partiti dalla piazza più attraversata di Torino e ci si è diretti dopo un giro in centro verso il mercato di Piazza della Repubblica dove il corteo è passato scandendo slogan e incontrando lo sguardo e la curiosità delle numerose persone che affollano uno dei mercati più popolari della città che sta, però, rapidamente trasformandosi come testimoniano le sempre più numerose gru che assediano la piazza e il tentativo di cacciata di una parte del Balon.

Svoltando in Corso Giulio per dirigersi verso Aurora il colpo d’occhio al serpente del corteo dava l’idea della partecipazione numerosa e ha fatto prendere consapevolezza che valesse la pena di provarci a tornare verso l’Asilo, nonostante l’ingente schieramento di polizia.
Infatti il corteo ci ha provato numerose volte a entrare ad Aurora, fronteggiandosi con la polizia, resistendo ai lanci di lacrimogeni, avanzando e indietreggiano con determinazione, barricandosi con i cassonetti, provando diverse strade. In zona le vetrate della Smat sono saltate, non c’è tanto da stupirsi se qualcuno se la prende con chi si fa i soldi con l’acqua arrivando a volte a lasciare interi condomini morosi a secco per convincerli a pagare.
Dopo questi tentativi il corteo si è nuovamente diretto verso il centro anch’esso assediato dalle forze di polizia e si è scontrato diverse volte per farsi strada nei viali della città, lasciando dietro di sé barricate di cassonetti in fiamme e autovetture del car sharing in frantumi. Un piccolo saldo in confronto a quello che la polizia ha fatto in questi giorni, arrestando compagni e compagne, sfondando l’Asilo e bruciandone i mobili in cortile, impedendo a chiunque di attraversare le strade adiacenti, murandone porte, finestre e scarichi. Per chi si lamentasse per il pullman della Gtt sfondato, sarebbe il caso di ricordarsi che di questi tempi dove i mezzi si autocombustionano una volta a settimana, l’episodio specifico non modifica di molto la tranquillità e l’integrità dei trasporti pubblici torinesi.
Il corteo ha poi svoltato nelle vie di Vanchiglia per concludersi in piazza Santa Giulia purtroppo un’ultima carica della polizia in quelle strade ha provocato il fermo di dodici manifestanti e il ferimento di quattro.

Ieri ci hanno impedito di entrare ad Aurora ma non ci siamo certamente rassegnati ad andarcene per sempre. L’Asilo non sono di certo solo quelle quattro mura ma tutte le relazioni di lotta e di complicità che in questi anni, tanti anni, si sono create e i problemi della città non si risolveranno certo, come spera la sindaca, con uno sgombero. Nelle prossime settimane sarà anche necessario costruire la solidarietà ai compagni arrestati nella lotta contro i Cpr per continuare a portarla avanti con ancora più convinzione.

Alle ennesime dichiarazioni di Chiara Appendino, che condanna la giornata di ieri in quanto non democratica ribadendo il suo sostegno alle forze dell’ordine, vorremmo rispondere solo precisando una cosa: noi alla democrazia di cui tu sei un esemplare esponente non ci siamo mai votati, cercando altresì di combatterla in ogni modo. Nello sgombero dell’Asilo hai una principale responsabilità, non ti potrai nascondere né di fronte a questa, né di fronte a tutto il tuo operato politico.

Non finisce qui, il corteo di ieri è solo l’inizio, ora è il momento per far partire una lotta serrata che dalle ceneri di quest’operazione repressiva faccia nascere un nuovo fiore.

campo.jpg

Aggiornamenti: Per quanto riguarda i due arrestati nella serata di giovedì sappiamo che sono in via di rilascio e potremo riabbracciarli nelle prossime ore.
Gabriele che è stato arrestato giovedì in zona universitaria rimarrà in carcere con l’accusa di lesioni aggravate.
Per quanto riguarda i fermati di ieri, che riportano contusioni procurate dalla polizia dopo il fermo, quattro saranno rilasciati in giornata, mentre gli altri otto risultano arrestati e in attesa di convalida, non sappiamo ancora quali siano le specifiche accuse.

Come scritto sopra i feriti a causa della violenza poliziesca sono quattro e si trovano all’ospedale piantonati dalle forze dell’ordine, solo nelle prossime ore sapremo se anche loro sono in arresto.

Per scrivere ai compagni e alle compagne arrestati con l’accusa di associazione sovveriva nell’operazione Scintilla:

Rizzo Antonio

Salvato Lorenzo

Ruggieri Silvia

Volpacchio Giada

Blasi Niccolò

De Salvatore Giuseppe

Gli altri a cui sicuramente è stato confermato l’arresto sono:

Gabriele Baima uscito divieto

Antonello Italiano

Irene Livolsi

Giulia Gatta

Giulia Travain

Fulvio Erasmo

Caterina Sessa

Martina Sacchetti

Carlo Mauro

Per ora si trovano tutti nel carcere torinese, C.C. Lorusso e Cutugno via Maria Adelaide Aglietta, 35, 10149 Torino TO.

Gli arrestati sono tanti, alcuni con accuse gravi che li costringeranno alla detenzione per lungo tempo. Chiediamo a tutti i solidali un benefit per sostenerli al conto intestato a Giulia Merlini e Pisano Marco IBAN IT61Y0347501605CC0011856712    ABI 03475 CAB 01605    BIC INGBITD1

Ulteriore aggiornamento: Gabriele Baima è uscito è stato rilasciato con un divieto di dimora a Torino, Francesco Ricco di cui non si aveva notizia da giovedì è in carcere, anche un ragazzo che era all’ospedale è stato notificato l’arresto, è Andrea Giuliano. L’udienza di convalida degli arresti sarà non prima di mercoledì.

macerie @ Febbraio 10, 2019

Asilo sotto assedio

sgombero.jpg

4:40, boati all’improvviso su c.so Brescia, decine di agenti in borghese stanno sfondando il cancello dell’Asilo occupato, un minuto ed ecco decine di camionette, volanti, carabinieri in antisommossa, celerini e finanzieri con il mitra puntato.

I compagni salgono sul tetto, nel tempo di un lampo blu tutta l’ex scuola materna di via Alessandria 12 è circondata: in atto sgombero e arresti, ma ora inutile dilungarsi sulle specifiche, si avrà tempo per scriverne e parlarne.

Durante la mattina arrivano gruppi di solidali ad Aurora, impossibile per ora avvicinarsi all’Asilo, tant’è che le forze dell’ordine iniziano presto con inseguimenti e cariche di allegerimento.

Chi può accorra in zona immediatamente.

Per coloro che non possono arrivare subito un primo appuntamento è indetto alle 18:00 in via Cecchi 21/a nella sede di Radio Blackout.

P.s. Alla sindaca Appendino, che già si è espressa via social sull’operazione congratulandosi con forze dell’ordine,  dedicheremo a tempo dedito la nostra attenzione.

macerie @ Febbraio 7, 2019

da Radio Blackout

Breve riepilogo della giornata di oggi
(aggiornato alle ore 20.45)

Questa mattina alle 4.40 l’Asilo Occupato di via Alessandria 12 è stato preso d’assalto da un’enorme quantità di camionette (https://www.autistici.org/macerie/?p=33314&fbclid=IwAR3FAx3iGbqcQefr8ku1qs5GSB_UqNkWlcbxoqfSGZGvnDsK3uK3u2-EkhE).
In concomitanza sono stati effettuati sette arresti (potrebbero essere otto) per un’indagine per associazione sovversiva (Articolo 270 bis) per le lotte contro i centri di internamento e rimpatrio per la popolazione migrante.

La repressione di oggi non si ferma qua: nel condominio di fronte all’Asilo dei compagni hanno deciso di far sentire la diretta Radio dal balcone, venendo sorpresi da una interruzione di corrente provocata dagli sbirri che presidiavano il condominio attendendoli al varco.
Identificazione delle persone in zona Aurora, ma non solo, anche presidi di polizia fuori dalla stazione di Porta Susa.

Alle 18 c’è stata un’assemblea in Via Cecchi che si è rapidamente trasformata in un corteo che si sta attualmente muovendo per le strade cittadine (in questo momento si trova in Piazza Santa Giulia).

Torino oggi è una città sotto assedio: riprendiamo il controllo delle nostre vite e supportiamo la lotta dei compagni dell’Asilo ancora bloccati sul tetto dello stesso. I torinesi non si arrendono al fascismo dilagante nella città.

Rimanete sintonizzati su Radio Blackout 105.25 per gli aggiornamenti!


LA VITA RIDOTTA A MERCE

Ci siamo. Dopo tanto tempo che se ne parlava in quartiere, sembra che il prossimo scempio urbanistico si farà. Non è dato sapere quando inizieranno i lavori, ma nella zona compresa fra via Postumia e il cavalcavia della tangenziale, a lato di via Cascina Corte, potrebbe sorgere un nuovo supermercato dentro le poche aree verdi presenti nel quartiere Cascinetto. Per adesso è circolato anche il nome di chi devasterà quel terreno: Aldi, multinazionale del commercio alimentare presente in più parti del mondo.

Naturalmente gli amministratori comunali, per far ingoiare la pillola ai bravi cittadini, ci tengono a precisare che «questa nuova parte di città dovrà funzionare il più possibile come un sistema ecologico ‘autosufficiente’ in grado di massimizzare lo sfruttamento delle risorse esistenti in loco e provenienti dall’esterno, di minimizzare rifiuti, emissioni, scarichi, riducendo in modo significativo la sua impronta ecologica sull’ambiente e migliorando quella sociale. La questione principale riguarda l’autonomia energetica. I progetti insediativi dovranno studiare i più adatti sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili: solare termico, fotovoltaico, cogenerazione, geotermico».

Davanti ad un progresso che, sotto l'aurea ingannatrice del rinnovamento ecologico, puzza ancora di devastazione, quali discorsi e quali possibilità si annidano per chi non ha nessuna intenzione di stare zitto e immobile davanti all'ennesimo progetto deciso sopra la testa di chi abita in quartiere? Come agire per impedire questa ennesima dimostrazione della vita ridotta a merce?

Incontrarsi, discutere e mettere insieme conoscenze per bloccare questo scempio è possibile. Senza fronzoli, senza nessun politicante che ci possa dire cosa fare, senza nessun comitato che ci indichi come trovare una mediazione con il potere.

Avere delle prospettive per rivoltarsi contro il produci-consuma-crepa, perché non siamo tutti Eichmann. Mettersi contro il centro commerciale e la mercificazione delle vite, allora, vuol dire tentare di divenire individui pensanti piuttosto che cittadini ubbidienti.

Quello che cambia, quando pensiamo contro questi progetti di sviluppo urbano, come contro tutto ciò che devasta le nostre vite, passando all'attacco, è la sensazione di non vivere più come semplici pedine in un mondo imposto.

Per cercare di sperimentare la libertà, scacciando sottomissione e rassegnazione.

alcuni individui del quartiere


Cari compagni, care compagne, Per noi anarchici, le parole possono costituire una trappola. Possono colpirci e potremmo costruirci attorno un labirinto da cui sarebbe difficile uscire. Le parole restano sempre approssimative, nient'altro che un tentativo di cogliere la realtà ed esprimere idee. Tuttavia costituiscono uno degli strumenti a nostra disposizione per avvicinarci, per gettare un ponte verso altri compagni, verso altri ribelli. Essendo cosciente dei limiti delle parole, posso solo sperare che queste poche parole riusciranno ad attraversare l'oceano, a sorvolare i mari e le terre, a superare le frontiere e ad arrivare fino a voi in questa occasione della commemorazione della morte dell'anarchico Sebastián Oversluij, abbattuto da una guardia nel corso di un esproprio in banca a Santiago del Cile l'11 dicembre 2013 (1). Qualche volta, magari in momenti tragici come quello della morte di Sebastián, o semplicemente quando i nostri occhi rifiutano di chiudersi, quando le nostre membra rifiutano di riposarsi, quando la notte nel nostro letto continuiamo a fissare il soffitto, una domanda, una domanda fondamentale può venirci in mente ed ossessionarci. Perché siamo anarchici? Cosa significa essere anarchici? Qualcuno potrebbe dire che si tratta solo di una domanda retorica e quindi sarebbe una perdita di tempo, ma io non sono d'accordo. Dato che le parole possono anche costruire dei labirinti invece che renderci capaci di agire — e quando parlo di agire, non intendo il semplice fare —, non dovremmo esitare a fare appello al nostro spirito critico, nutrito dalla nostra esperienza. Allora, perché siamo anarchici? Perché, e questo a differenza di altre correnti più o meno rivoluzionarie, abbiamo identificato il male eterno, la fonte di ogni sofferenza e oppressione, in quel principio che domina il mondo in cui viviamo: il potere. Contrariamente alla «forza» o alla «potenza», che potremmo intendere come la capacità di fare qualcosa, di rispondere alle sfide poste dalla lotta, è il potere che combattiamo, e lo combattiamo perché è incompatibile con la libertà. Non può esserci libertà finché esiste potere. Quindi, proseguendo col ragionamento: se vogliamo la libertà, dobbiamo distruggere il potere. Non possiamo riformarlo, non possiamo renderlo più accettabile, non possiamo migliorarlo. Possiamo fare solo una cosa: distruggerlo, distruggerlo da cima a fondo. In fondo, l'anarchismo non è solo quel sogno che possiamo avere di libertà, di una vita senza costrizioni né sfruttamento, di una vita profonda, ricca, di bellezza, di gioia, gioco, esplorazione — l'anarchismo può anche essere questo, e la fiamma di questo sogno di cui sono innamorato continua a bruciare nel mio cuore — ma l'anarchismo vuol dire anche, e persino soprattutto, distruzione. La distruzione di tutto ciò che incarna il potere, non solo come idea, ma anche in quanto strutture fisiche e persone. Lo Stato sarebbe uno spettro se fosse solo un'idea, ma non è uno spettro, dato che si materializza in strutture e uomini. Negli edifici governativi, nei commissariati, nelle prigioni, nelle scuole, ed anche nei politici, nei poliziotti, nei secondini e nei preti. A mio avviso, la dimensione distruttiva dell'anarchismo è duplice: corrode l'idea di potere e le sue ideologie, quell’obbedienza che appare perpetua e di cui gli sfruttati sono capaci; e attacca, per distruggere, non per convincere o persuadere, le strutture fisiche e le persone che incarnano il potere. A partire da qui, non può esserci pace, non può esserci tregua nelle ostilità: l'anarchismo conduce una guerra contro il potere, una guerra difficile, incessante, a volte dolorosa, ma anche gioiosa. Contro il potere e per la libertà. Ed io, come anarchico? Non sono certo un soldato in questa guerra dell'anarchismo contro il potere. Non c'è ordine a cui obbedire, non ci sono leader da seguire, la scelta è sempre mia, come individuo, proprio come rimane ai miei compagni, agli altri individui. Ma non sono nemmeno un semplice ribelle che reagisce, ogni tanto magari con ferocia, alla sofferenza che gli viene imposta. Sì, mi ribello, mi rivolto, ma aspiro ad essere qualcosa di più. Conosco molti compagni anarchici che sono certamente dei ribelli, ma che sono anche qualcosa di più. A volte ciò li differenzia anche da altre persone che si ribellano. E lo sto dicendo senza alcun disprezzo per i ribelli, senza alcun sentimento di superiorità. Semplicemente, l'anarchismo non è soltanto rivolta, non è solo re-agire, anche violentemente, alla violenza e alla brutalità del potere. Secondo me, l'anarchismo cerca di proiettarci in un un'altra dimensione, nella dimensione dell'agire. Di nuovo, le parole possono tradire, ma io definisco questa una dimensione rivoluzionaria. Rivoluzionaria, perché come anarchico non voglio solo ribellarmi contro ciò che mi viene imposto e viene imposto al resto del mondo: voglio andare oltre, voglio sviluppare un progetto distruttivo per cancellare, annientare, radere al suolo ciò che è alla radice della sofferenza illimitata in questo mondo, dei bagni di sangue e dei massacri su cui poggia tutto il potere (sia esso dittatoriale, democratico, socialista o religioso). Questa coscienza fa degli anarchici qualcos'altro che dei meri ribelli. Ribelli con una visione, con un progetto, con una prospettiva, con un sogno particolare. Certo, forse obietterete che molti anarchici oggi non vogliono sentir parlare di prospettive, o forse che ne hanno una ma poi passano il tempo a chiacchierare, a commentare quanto accade. È vero, ma in fondo tutto ciò non dovrebbe riguardarci. Non siamo missionari che vogliono sedurre gli altri, nemmeno gli altri anarchici, affinché raggiungano una cappella. Non siamo ossessionati dal fascino magico del numero, di quanti siamo. Noi vogliamo agire, qui ed ora, vogliamo sviluppare un progetto di lotta — anche provvisorio — che ci permetta di fare incursioni nella realtà, di trasformarla (attraverso la distruzione), non solo di sopportarla in un modo o nell’altro. Cari compagni, mi pesa esprimermi con le parole, da tanto sono limitate, da tanto possono diventare rapidamente delle trappole in cui precipita ogni comprensione reciproca, ma io posso solo tentare. Lasciatemi fare un esempio. Nel 1930, a Montevideo, diversi prigionieri anarchici evasero dalla prigione di Punta Carretas attraverso un tunnel scavato sotto il muro di cinta. Un'azione meravigliosa, ma voglio spingere la riflessione oltre l'ammirazione. Quel tunnel non è venuto giù dal cielo, non era qualcosa di improvvisato, non era solo una reazione rapida ed intelligente da parte di alcuni anarchici rinchiusi in una prigione che hanno colto l'occasione per scappare. No. Diversi mesi prima dell'evasione, un compagno era andato ad affittare una casa di fronte alla prigione. Vi aveva installato una rivendita di carbone, dove vendeva e consegnava carbone. Gli affari andavano bene, tutto sembrava normale. Ma un po' più tardi arrivarono altri compagni, di nascosto, ed iniziarono a scavare un tunnel partendo da quella rivendita di carbone. Trascorsero mesi a scavare, rischiando ogni giorno di venire scoperti. Ciò che voglio dire è che quei compagni avevano un progetto, e con molti sforzi e tanta pazienza hanno assemblato i pezzi, gli elementi del loro progetto, per riuscire finalmente a realizzare un obiettivo. Bene, è solo un esempio, ma lo do perché mostra ciò di cui si può diventare capaci quando si ha un progetto. L'organizzazione dell'evasione dei compagni imprigionati è solo un esempio. Possono essere immaginati progetti ancora più ambiziosi, ancora più vasti, che forse proprio in questo momento vengono immaginati e attuati da compagni. Ma quello che conta è che un progetto non cade dal cielo. E ha bisogno di tutto. Ha bisogno di riflessione, di analisi della situazione, dell'acquisizione di mezzi e conoscenze tecniche; probabilmente richiede il concorso di altri compagni, compagni con cui siamo in affinità (che è qualcosa di diverso della semplice definizione di «anarchico», perché l'affinità ci consente di agire insieme, mentre il fatto che qualcuno sia anarchico non mi permette automaticamente di agire insieme, occorre qualcosa di più). Il progetto ha bisogno di una sorta di organizzazione, non dell'Organizzazione con la maiuscola, ma di un'organizzazione nel senso di riunire gli elementi per il nostro progetto, di un’organizzazione informale. Forse avere un progetto è come avere un piano, un piano rivoluzionario. A volte un progetto può anche avere obiettivi più limitati (il che non toglie nulla alla sua importanza), ad esempio la liberazione di compagni rinchiusi, o la distruzione di una struttura di potere particolarmente odiosa come una nuova miniera, una nuova prigione, una nuova fabbrica; ma può anche arrivare lontano quanto una vasta insurrezione di tutta una regione, un paese, un continente! Il progetto è uno dei modi che possono consentirci di andare oltre il fare (fare, nel senso di ciò che gli anarchici fanno comunque: diffondere le proprie idee, partecipare a manifestazioni, aprire locali, colpire il nemico) e farci entrare nell'ambito dell'agire, in una dimensione in cui l'iniziativa diventi nostra. Ovviamente, quelli che vogliono garanzie in anticipo che questo o quel progetto funzioneranno, che saremo in grado di realizzare l'obiettivo che vogliamo raggiungere, resteranno delusi: non c'è certezza, non ci sono garanzie, tutto può fallire. Ma non la considero una ragione sufficiente per rinunciare ad avere una progettualità. Forse queste parole vi suonano vuote, è possibile, perché no? Ma forse no, e allora si aprono altri orizzonti. Il momento è adesso, cari compagni. Vi scrivo dall'Europa, e sì, posso dirvi che il momento è adesso. La società sta cambiando rapidamente, le tecnologie non stanno cambiando semplicemente le abitudini degli sfruttati e le capacità di sfruttarli da parte degli sfruttatori, ancor più, stanno anche cambiando l'essere umano. Stanno appiattendo l'essere umano, rendendolo più stupido, vuoto, superficiale, senza passione né odio: uno schiavo che non ha più la capacità di capire che è schiavo. E nel frattempo, il massacro continua, quei massacri alle porte di ciò che con supponenza si chiama «il vecchio continente», ed anche al suo interno. Un nuovo mondo è in procinto di nascere, non un mondo di anarchia, ma un mondo di sottomissione durevole, di maggior carneficina, di maggior sofferenza. Non possiamo restare semplicemente immoti ad osservare. Le previsioni sono certo contro di noi, almeno qui in Europa, ma rinunciare equivarrebbe a rinunciare alla vita stessa che molti di noi hanno scelto: una vita di guerra contro il potere, una vita di lotta per un sogno, per l'idea di cui mi sono innamorato: la libertà. Analizziamo il passato delle esperienze anarchiche per trarne ispirazione (solo per dare un breve esempio: pensate a quei compagni che proposero azioni relativamente semplici, diffuse su tutto il territorio, contro le strutture periferiche del dominio, come negli anni 80 in Italia quando centinaia di tralicci elettrici vennero segati o dinamitati — immaginate una simile ondata di sabotaggi contro le strutture energetiche che fanno funzionare quasi tutte le strutture dello Stato e del capitale!), ma gettiamo nella spazzatura anche la merda in cui il movimento anarchico si è ritrovato immischiato nel passato; contro tutti quelli che sembrano desiderare solo l'ultimo oggetto tecnologico, affermiamo il nostro amore per la libertà — e il nostro odio per il potere. La guerra degli anarchici contro il potere si muove su terreni difficili, ma non è ancora finita. Niente è impossibile, ma bisogna dedicarvisi. Riunire i mezzi e le capacità per il progetto che abbiamo in mente, prepararsi per gli sforzi che potrebbe richiedere, o meglio, che richiederà. Per concludere, vorrei ricordare alcune frasi di un giornale nato negli Stati Uniti, Cronaca Sovversiva, il giornale degli anarchici che avevano dichiarato guerra allo Stato nel momento in cui tante persone si univano ai ranghi degli eserciti che si massacravano a vicenda nel corso della Prima Guerra mondiale, il giornale di quegli anarchici che parlavano di un «anarchismo autonomo», di un anarchismo che non è ossessionato dalle organizzazioni quantitative, il giornale di quegli anarchici che hanno colpito instancabilmente le persone più potenti degli Stati Uniti. Nel numero del 13 marzo 1915, in piena propaganda bellica, questi anarchici affermavano: «Cosa fare? Continuare la buona guerra, la guerra che non conosce paure, né scrupoli, né pietà, né tregua, anche se attraverso la quotidiana esperienza dell'agguato, dinnanzi alle legioni soverchianti del nemico, l'audacia e il coraggio debbano cingersi d'avvedutezza e di cautela; la guerra di sterminio ai vampiri del capitale, alle belve dell'ordine, in ogni covo». Continuiamo a condurre la sola buona guerra: la guerra per la distruzione del potere.  

(Contributo letto a Santiago del Cile durante un'iniziativa in omaggio a Sebastián Oversluij, a fine dicembre 2018).  

1. La mattina dell'11 dicembre 2013, il compagno Sebastián Oversluij si preparava ad espropriare un'agenzia bancaria nel comune di Pudahuel nella capitale cilena. Entrando nell'agenzia, il compagno «Angry» tirò fuori il mitra che portava sotto i vestiti annunciando l'assalto. Una miserabile guardia ha immediatamente abbattuto il compagno. Questa spazzatura in uniforme aveva avuto un addestramento militare e una grande esperienza da mercenario ad Haiti e in Iraq. Più tardi, due anarchici trovati fuori dalla banca sono stati arrestati e condannati per complicità nella rapina.    

Tratto da [Avis de Tempêtes, n. 13, 15 gennaio 2019 (clicca sopra per scaricare l'ultimo numero in francese)] traduzione Finimondo.org