Vai al contenuto

Apprendiamo dell’arresto di tre compagni: Beppe, Natasha e Robert. I media di regime dicono che sono stati arrestati per “attentato per finalità terroristiche o di eversione” per l’invio, nel 2017, di tre pacchi esplosivi ai pm Sparagna e Rinaudo e a Santi Consolo, all’epoca direttore del DAP di Roma.

Nell’attesa di maggiori informazioni, pubblichiamo l’unico indirizzo di cui siamo a conoscenza. Sia Robert che Beppe sono a Opera (Milano):

Robert Firozpoor
Via Camporgnago, 40 20090 Milano

Ieri 22 maggio è stato arrestato il compagno Juan, “uccel di bosco” da un pò di tempo.
Perquisite due abitazioni in provincia di Brescia e due abitazioni di genitori di un compagno e una compagna nell’hinterland bresciano.
Si attende la convalida dell’arresto per una delle persone fermate, accusato di favoreggiamento personale (cp art 378).
La modalità nelle prime due abitazioni è la solita degli ultimi tempi: passamontagna ecc.. Seguiranno aggiornamenti.

Per scrivere a Juan:
Juan Antonio Sorroche Fernandez, c.c. Canton Mombello via Spalto S. Marco 20, 25100 (BS)

Presidio di solidarietà sabato 25 maggio ore 16:30 Carcere di Canton Mombello

Solidarietà e sostegno a tutti i compagni ancora in carcere
Liber* tutt*

Tratto da Round Robin

Nella notte di ieri sera, mercoledì 22 maggio, dopo le ore 23:00 la polizia ha bussato alla porta di Boba, Mitzi e Victor con il pretesto di notificare un avviso orale alla compagna. Una volta dentro però, oltre alle carte per lei hanno sfilato dalle borse anche un mandato di arresto per Boba. 

L’episodio sotto inchiesta risale alle prime iniziative messe in campo dopo l’operazione Scintilla, in particolare al saluto nel pratone delle Vallette avvenuto al termine della manifestazione antifascista contro la commemorazione annuale delle foibe. In quell’occasione aveva preso fuoco la pasticceria del carcere. L’accusa è di incendio (art.423), la cui pena prevista va da tre a sette anni, con l’aggravante (art.425) di aver commesso il fatto su “edifici pubblici […], destinati a uso di abitazione […], su ammassi di materiale combustibile o esplodente”. Inoltre gli viene contestato il reato di accensioni pericolose (art.703) per aver usato, secondo l’accusa, un razzo nautico, che tuttavia prevede un pena pecuniaria o l’arresto fino a massimo un anno.

Durante l’operazione la polizia ha effettuato una perquisizione sequestrando tutti i computer presenti in casa. Per assicurarsi di non avere ficcanaso tra i piedi ha richiesto l’intervento di tre volanti che hanno tenuto lontani i primi amici accorsi sul posto.

In attesa di aggiornamenti per chi volesse scrivergli indirizzate lettere e telegrammi a :

Marco Bolognino – C/o C.c. Lo Russo e Cutugno – via M.A.Aglietta 35 – 10151 Torino 

fonte: autistici.org/macerie

Arriva, la rivoluzione arriva! Toh, ecco un’altra trovata dei pubblicitari che cercano di piazzarci il loro ultimo prodotto, come suol dirsi. Ma non questa volta. Oggi, sono smanettoni falsamente rilassati e pappagalli di Stato a suonare le loro trombe: una nuova «rivoluzione digitale» sarebbe in marcia con l'imminente arrivo del 5G. La Corea del Sud è stata la prima a inaugurare la sua commercializzazione a livello nazionale nel mese di aprile, mentre Stati Uniti, Cina e Giappone dovrebbero seguire il suo esempio nei prossimi mesi (in tale città o in tale regione), seguiti dal vecchio continente l'anno che viene. Se la questione riguardasse il galoppante spossessamento generalizzato, la crescente derealizzazione che colpisce la sensibilità umana in profondità, il rafforzamento partecipativo delle reti di alienazione e controllo o l’inasprimento delle condizioni di sfruttamento – in breve le conseguenze sulla nostra vita di qualsiasi evoluzione tecnologica –, non ci sarebbe nulla di nuovo in questa copertura supplementare che subiremo! Pur facendo attenzione a non prendere per oro colato il discorso del potere su ogni suo «progresso», e a non scambiare la parte (tale innovazione) per il tutto (il dominio), come talvolta hanno cercato di fare alcuni oppositori della manipolazione genetica della vita o delle nanotecnologie, non possiamo tuttavia limitarci ad osservare che il 5G sarà lo stesso in peggio. Né a restare con le mani in mano di fronte all'accelerazione del disastro ambientale, col pretesto che tutto si equivale e che c'è già tanto da distruggere. Perché, in fondo, è anche una questione di prospettiva.   

Questa quinta generazione di standard considerati una «tecnologia chiave» è essenzialmente un salto di potenza che permetterà al dominio di aumentare significativamente il suo controllo, aprendo una serie di possibilità da far sbavare battaglioni di ricercatori, industriali e creatori di startup. In termini concreti, mettendo nello stesso paniere la rete Internet e gli smartphone da un lato, la moltiplicazione di sensori (in città come al lavoro) abbinati a dispositivi e macchine di ogni genere dall’altro, abbiamo sotto gli occhi enormi raccolte e scambi di dati. In questo quadro, il 5G consente dei flussi nominali fino a mille volte più rapidi di quelli delle reti mobili nel 2010, e fino a cento volte più rapidi del 4G. Moltiplicando la velocità, la reattività e la capacità quantitativa di questi scambi di dati, si profila lo sviluppo, finora lento e limitato (perché troppo avido di dati), di un mondo totalmente interconnesso, ma stavolta su scala molto ampia: un mondo zeppo di telecamere a riconoscimento facciale, di veicoli autonomi e di congegni telecomandati a distanza, di droni polizieschi e militari pilotati da un’intelligenza artificiale, della famosa smart city, di un'amministrazione digitale di soggetti statali o di nuovi processi di automazione della produzione... senza contare la trasformazione dei rapporti sociali. Nella neolingua, con 5G si parla di «realtà e umano accresciuti», di «gestione dei flussi di persone, veicoli, derrate, beni e servizi in tempo reale» o di «facilitare il controllo delle catene produttive nei siti industriali». Infine, come sottolineava un recente opuscolo contro l'organizzazione nella capitale tedesca, a maggio, della più grande mostra europea sull'Intelligenza Artificiale (IA), lo sviluppo di quest'ultima è legato anche a quello del 5G: «L’IA, insieme ad altri fattori, sta cambiando l'economia e la società, grazie a potenti processi di automazione. Sia nell’assemblaggio, nell’istruzione, nella medicina, in servizi come i call center o nella guida, ma anche nel perfezionamento della tecnologia militare, come la navigazione di droni autodistruttivi – l'IA è prioritaria. Le IA sono utilizzate da quasi tutti i principali fornitori di servizi su Internet, come Google, Facebook e Amazon. In futuro, dovremo contare sul fatto che la maggior parte di dispositivi e oggetti saranno dotati di sensori connessi via Internet ai «server» delle multinazionali («l’Internet degli oggetti», «Internet of Things – IoT»). Per poter elaborare una tale massa di dati, l'Intelligenza Artificiale ha bisogno di questi Big Data, che a loro volta richiedono infrastrutture come la rete 5G o i cavi in fibra ottica».   Dal 2018, le bande di frequenza assegnate per il 5G (all’incirca 700 MHz; 3,5-3,8 GHz e 26-28 GHz) sono state vendute all'asta per 20 anni, con grossi ricavi per gli Stati: 380 milioni di franchi alla Svizzera (sborsati da Swisscom, Sunrise e Salt), 437 milioni di euro alla Spagna (da Telefónica, Vodafone e Orange), 1,36 miliardi di sterline nel Regno Unito (da Telefónica, Vodafone, British Telecom e Hutchison Whampoa), 6,5 miliardi di euro all'Italia (da Telecom Italia, Vodafone, Iliad e Wind) e almeno 5,8 miliardi di euro alla Germania (da Deutsche Telekom, Vodafone, Telefónica e United Internet). In Francia (con Bouygues, Iliad, Orange e SFR) cominceranno in autunno e in Belgio l'anno prossimo. La maggior parte dei tralicci che sostengono il 4G verranno gradualmente adattati tecnicamente per il 5G (generalmente prodotto da Huawei, Ericsson o Nokia), ma nuovi ripetitori specifici giganti o in miniatura saranno installati dappertutto*, con una potenza ancora più nefasta per la salute, creando un aumento generale e massiccio di esposizione alle onde. Certo, in Francia la commercializzazione del 5G inizierà solo nel 2020 e la massificazione del suo utilizzo è prevista per il 2022, ma fin d’ora si stanno effettuando test sul campo necessari per il suo impiego, trasformando gli abitanti di diverse città in topi da laboratorio: Nantes, Tolosa e Francazal (SFR); Lille-Douai (dieci ripetitori 5G), Parigi (quartiere dell’Opéra), Marsiglia (place de la Joliette) e Nantes (Orange); Lione, Bordeaux (antenna 5G accanto al museo d'arte contemporanea), Linas-Montlhéry (sull'autodromo) e Saint-Maurice-de-Rémens (a Transpolis) (Bouygues). E per non essere da meno, anche l’ente francese per l'energia nucleare e alternativa (CEA) è autorizzata a testare il 5G a Grenoble e sulla costa normanna tra Ouistreham e Portsmouth servendosi di due traghetti della Brittany Ferries. Al 27 dicembre 2018, erano 25 i test effettuati in 18 città cui fare riferimento ufficialmente, classificati secondo nove usi: mobilità connessa, IoT, smart city, telemedicina, video UHD, videogiochi, esperimenti tecnici, industria del futuro e realtà virtuale, con questi ultimi due settori che da soli raggruppavano 20 dei 25 test in vivo. Un esempio applicato all’«industria del futuro» è un’azienda-pilota automatizzata con robot che gestisce 50 vacche da latte a Shepton Mallet, nel sud dell'Inghilterra. I collari connessi al loro collo comunicano direttamente in 5G con i molteplici sensori e robot installati nell’azienda per automatizzare la mungitura, la spazzolatura, l'alimentazione e l'apertura delle porte in base alle condizioni atmosferiche. Questo progetto è finanziato dal governo inglese (Agri-EPI Centre) e sviluppato da Cisco

Fortunatamente, come ci ricordano periodicamente i fiammeggianti barbecue in Francia, in Germania e in Italia, tutto questo si basa principalmente su una circolazione di dati tra data center/server e trasmettitori-spioni, le cui informazioni viaggiano fisicamente attraverso reti di cavi in fibra ottica e ripetitori telefonici, il tutto dipendente da un’alimentazione elettrica (a sua volta composta da cavi, trasformatori e tralicci). Oltre ad altrettante strutture sparse nel territorio, alla portata di tutti coloro che dispongono di un pizzico di fantasia e di una sensibilità ancora palpitante. Essendo d’altronde la G l'unità corrispondente all'accelerazione della gravità sulla superficie terrestre, è giunto il momento di alleggerire la nostra esistenza dal peso di queste protesi, sia fisiche che mentali. Che per di più, sono in 5G!   

* Una grande antenna-ripetitore 4G con MIMO («entrate multiple, uscite multiple») regge attualmente fino a una dozzina di connettori – i grandi parallelepipedi bianchi verticali fissati sopra – (otto per la trasmissione e quattro per la ricezione). Un'antenna 5G con MIMO può portare fino ad un centinaio di questi connettori e in beamforming (cioè che non emette il segnale in tutte le direzioni sotto forma di ombrello ma solo nella direzione richiesta). In città densamente popolate, le mini antenne 4G (piccole celle) offrono una copertura di 20 metri per otto utenti, mentre il 5G permette di collocare queste antenne in miniatura su lampioni, pensiline per autobus, cartelloni pubblicitari ogni 300 metri per centinaia di utenti contemporaneamente. JC Decaux è ovviamente già in lizza.   

Avis de tempêtes, n. 17, 15/5/2019 - Traduzione: Finimondo

Per leggere il nuovo numero, clicca sul link:

https://avisdetempetes.noblogs.org/files/2019/05/Avisdetempetes17.pdf

BIBLIOTECA ANARCHICA OCCUPATA DISORDINE SGOMBERATA

Questa mattina polizia, vigili, proprietaria e ditta incaricata hanno
sfondato la porta della Biblioteca anarchica Disordine e provveduto a
sostituire il lucchetto. Nei prossimi giorni dovremmo riuscire a
recuperare tutto quanto vi era all’interno nonostante la richiesta della
proprietaria alla stessa ditta di accumulare tutto il materiale,
consegnarlo ad un deposito e murare l’appartamento. Contestualmente
hanno tentato di sgomberare anche un occupante dello stabile accanto
creando un varco nel muro ed entrandogli in casa, nonostante viva in
quella abitazione da quasi trent’anni.
Il progetto della biblioteca anarchica era nato esattamente tre anni fa.
Il mostro della gentrificazione era da tempo una minaccia. I libri e uno
spazio anarchico verranno probabilmente sostituiti da sale
idromassaggio, resort di lusso, suite e quant’altro e questo ci fa non
poca rabbia. E uno degli ultimi quartieri ancora vissuti di Lecce sarà
in mano al delirio di onnipotenza di una speculatrice palazzinara
ammanicata con vari amministratori comunali e che lo trasformerà
completamente.
Ma tant’è. Ci siamo assunti il rischio e siamo pronti a ricominciare.
Il progetto continua….
Resta confermata la rassegna di film in programma in queste settimane
nella piazzetta delle Giravolte e di cui alleghiamo il programma.
Anarchici della Disordine, Lecce 15/5/2019

Risultati immagini per carlo giuliani

Le immagini dei bambini di una scuola di Cremona in tenuta antisommossa sono lo specchio dell'educazione. Non c'è tanto da sbigottirsi, ma c'è da lottare contro un società fatta di istituzioni totalitarie, proprio come la scuola. Alla madre di uno dei bambini che ha detto: "Non ci vedo nulla di male. Quanto alla tenuta antisommossa, ci sarebbe semmai da chiedersi come mai talvolta le forze dell’ordine la devono indossare”, si potrebbe rispondere che la guerra è agli antipodi di quel desiderio libero chiamato gioco dei bambini. Se questa società devasta ogni avventura, allora l'unico modo di essere solidali con i giocosi bambini è quello di avventurarsi nella distruzione di questa società oppressiva e imbonitrice dei (s)valori del massacro.

"All’inizio del secolo XVII cominciò ad affermarsi un nuovo consenso, intorno all’idea che l’uomo nascesse inidoneo alla società e tale rimanesse se non gli si forniva una “educazione”. L’educazione venne così a indicare l’opposto dell’attitudine vitale. Venne a indicare un processo, anziché la semplice conoscenza dei fatti e la capacità di adoperare gli strumenti che danno forma alla vita concreta dell’individuo. L’educazione si identificò con una merce, immateriale che andava prodotta a beneficio di tutti, e a tutti dispensata nella stessa maniera in cui prima la Chiesa visibile dispensava la grazia invisibile. La giustificazione al cospetto della società divenne la prima esigenza dell’uomo, che viene al mondo in una condizione di stupidità analoga al peccato originale.

L’interesse ad educare la propria prole è antico ma si è dovuto attendere l’età moderna per vedere un sistema razionale di repressione, controllo e ridimensione del Sapere. L’idea di fondo della scolarizzazione istituzionale è che gli uomini non nascono uguali, ma lo diventano grazie ad un periodo di gestazione nel ventre della scuola, che guida a staccarsi dal proprio ambiente naturale, per approdare nella società civile come idonei cittadini-consumatori."

Tratto da "Descolarizzare la società" di Ivan Illich

Brutal Toys Records & SabotaZ Crew, in collaborazione con lo Spazio Kavarna, presentano:

...
Due giorni dedicata a Tommy, in carcere dal 5 aprile per aver resistito a un fermo di polizia.
_________________________________________________________

:: EVENTO IN AGGIORNAMENTO! ::
_________________________________________________________

TATTOO CIRCUS___BANCARELLE D'AUTOPRODUZIONI & DISTRO___CUCINA VEGE E VEGAN___LIVE PAINTING & INSTALLAZIONI___LIGHTS SHOW & VISUAL ARTS___PERFORMANCES D'ARTE CIRCENSE & BODY SUSPENSION___LIVE SET & DJ SET
_________________________________________________________

VENERDI' 21 GIUGNO

h 18
_Aperitivo con musica
__Esposizione bancarelle & distro
___Live painting | Morgana & O.M.P._OX Crew
____Tattoo & piercing

h 23
Brutal Toys Records showcase:
_Tropical Dark-Ufo Pop music performance | Dadi Etro
__Electro-Techno Live Set | Il Leprotto - Klown Bastard_Elektrorganizm Orkestra - Orgonauth_Pyramid Head - ...
___Visual art | InvLoop - Kobachi - Micro Project Hill

SABATO 22 GIUGNO

Dal pomeriggio...
_Esposizione bancarelle & distro
__Live painting | Morgana & O.M.P._OX Crew
___Tattoo, piercing e massaggi
____Installazione live | Contatto Meccano
_____Open Sound: metti la musica che vorresti ascoltare!
Noi ci mettiamo il sound system, tu porta il resto!

h 23
_Fire Show | Witches Are Back!
__Body Suspension | Bloody Circus_Fuckin' Bloody Steel

h 00
_Electro-Techno-Acid-Tribe Live & DJ set | aZ_SabotaZ Crew - Boy Stout_Freaky Bangerz - ETK_Riot Music Sound - Weyckhan_Riot Music Sound - TronK.O_Faida System - ...
__Visual art | InvLoop - Kobachi
_________________________________________________________

:: LIGHT SHOW | FREAKY BOY_UNCONTROLLED BEAT ::
_________________________________________________________

:: SOUND SYSTEM & LIGHTS POWERED BY SABOTAZ CREW ::
_________________________________________________________

:: CHILLOUT ZONE & INFO S.O.S.TANZE BY L.A.B.57 ::
_________________________________________________________

:: GIOCOLIERI, BANCARELLE D'AUTOPRODUZIONI E DISTRO SONO INVITATE...SCRIVETECI! ::
_________________________________________________________

:: NO INFAMI - NO NAZI/FASCI - NO SBIRRI - NO SESSISTI ::
_________________________________________________________

:: TOMMY LIBERO! TUTTE E TUTTI LIBERI! ::