Vai al contenuto

Il 21 maggio 2019 i carabinieri del ROS danno il via all'operazione repressiva Prometeo, arrestando Natascia, Giuseppe e Robert, compagni anarchici, ed eseguendo anche alcune perquisizioni. I media di regime riferiscono che l’accusa principale è di “attentato con finalità di terrorismo o di eversione”, poiché ritenuti responsabili dell’invio di tre pacchi-bomba arrivati nel giugno 2017 ai p.m. Rinaudo e Sparagna (quest’ultimo è il pubblico ministero nel processo per l’operazione “Scripta manent”) e a Santi Consolo, all’epoca direttore del DAP (“Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria”) di Roma.

Ad oggi Robert è fuori dal gabbio. Nat e Giuseppe sono ancora rinchiusi nelle carceri di Piacenza e Pavia. Ricordiamo che per momenti di complicità in solidarietà a Nat, la questura di Piacenza ha emanato 9 fogli di via dalla cittadina emiliana a compagne e compagni.

Fuoco alle galere e nessun foglio di via potrà fermare la sete di libertà!
_________________________________________________________

Dalle 23:23...
ACID-TECHNO-TRIBE DJ & LIVE SET
aZ__SabotaZ Crew (live set)
BassDriver__Ohm Killer (dj set)
Ceckit__Riot Music Sound (dj set)
Oikophobic (live set)
The Scramblers (Beat Taser + Boy Stout)__Freaky Bangerz (live set)
MiNe__Riot Music Sound (dj set)
& ...

VISUAL ART
Micro Project Hill
_________________________________________________________

:: GIOCOLIERI, BANCARELLE D'AUTOPRODUZIONI E DISTRO SONO INVITATE...SCRIVETECI! ::
_________________________________________________________

:: NO INFAMI - NO NAZI/FASCI - NO SBIRRI - NO SESSISTI ::
_________________________________________________________

Il Kavarna non è un'attività commerciale, ma è uno spazio antiautoritario e autogestito da individui diversi, il quale tenta di liberarsi dalle logiche oppressive del capitalismo e dello Stato.
Nessuna delle persone che volontariamente dedicano la loro vita a questo spazio guadagnano un solo centesimo.
Ogni iniziativa ha come scopo la sussistenza dello spazio stesso e il supporto ad alcuni progetti di autoproduzione e di autogestione (interni ed esterni). In essi, il sostegno ad individui e gruppi antiautoritari che lottano contro questo esistente è un fatto di vita: una complicità sensibile con chi lotta contro il Dominio.
Antiautoritarismo, orizzontalità nei rapporti, fiducia reciproca e lo stare insieme sincero sono questioni imprescindibili per chi vuole approcciarsi allo spazio e alle persone che lo fanno vivere, sia in maniera saltuaria che assidua.
Nazifascisti, razzisti, omofobi, sessisti, machisti, spie, sbirri, giornalisti e autoritari di qualsiasi genere non sono ben accetti. La merda che troviamo nella società la vorremmo fuori da qui.
A nessuno deleghiamo la nostra autodifesa.
Le persone che tengono in vita lo spazio possono sbattersi in ogni modo possibile per cercare di creare un ambiente diverso dalla normalità imposta dall'abitudine e piacevole da vivere. Per questo, il comportamento e l'atteggiamento delle persone che navigano su queste rotte è fondamentale. Ti chiediamo di evitare comportamenti molesti e di prevaricazione, evitando di infastidire gli individui vicino a te.
Il Kavarna è contro il proibizionismo, ma anche contro il narcotraffico. I tuoi usi sono affari tuoi, ma cerca di essere discreto in primis per te stesso. Non puoi sapere chi ti sta guardando.
Nessuno di noi guadagna sulle spalle del Kavarna e dalle sue attività. Nessuno di noi vuole che nello spazio si faccia business.
Il Kavarna è una zona franca, ma è inserito in un quartiere che chi lo abita lo vive ogni giorno...tienilo a mente!
Oggi che si prospettano tempi sempre più difficili per tutti quegli individui che vogliono coscientemente andare in direzione ostinata e contraria, bisogna anche pensare che la repressione esiste e che per attaccarla servono determinazione e passione.
Siamo uno spazio autogestito e l'autogestione è fondamentale per chi vuole stare insieme senza autorità.
Vogliamo individui unici non esseri qualunque.
Per andare alla deriva, ovvero dove ci pare e piace, dipende anche da te che stai leggendo questi pensieri.
https://csakavarna.org

h 19
Mangiata benefit per i prigionieri rinchiusi nelle carceri cilene

h 21
Incontro sulle rivolte in Cile. Ne parleremo con alcune compagne che hanno vissuto quei luoghi.

L'ampiezza della rivolta in Cile è legata a qualcosa di profondo: la sete di libertà. Una libertà condivisa che potrà passare solo sul cadavere del dominio - dalle chiese ai partiti, dall'economia alla politica, passando per il patriarcato - per liberarsi dalle catene dell'esistente.
Una libertà contagiosa che può avanzare solo distruggendo tutto ciò che costituisce la miseria della nostra vita, attraverso un negativo da cui possa sorgere qualcosa di totalmente differente e senza alcun riguardo per l'attuale ordine che ci schiaccia.
Tratto da "Avviso Di Tempesta".