Per leggere via computer clicca su:

N°2web

Per stamparlo e diffonderlo clicca su:

N°2stampa

 

"Frangenti" è un progetto a cadenza quindicinale scritto da alcuni compagni e alcune compagne, ma diretto a chiunque. I suoi contenuti, infatti, comprendono commenti ad alcuni fatti di cronaca locali, nazionali ed internazionali, una recensione di un libro, una riproposizione di un fatto del passato e un breve elenco di azioni.

Il suo formato è un agile A3 che ne permette una distribuzione ovunque ognuno od ognuna voglia diffonderlo: bar, biblioteche, stazioni, fermate del bus, scuole, carceri, ecc… Obiettivo di queste cronache del dopobomba è riuscire a raggiungere individui anche ben lontani dai nostri classici circuiti di discussione per offrire spunti e riflessioni, irritare o infastidire, incuriosire e coinvolgere.

E' una pubblicazione totalmente gratuita e non esiste redazione, nè vogliamo che ci sia. Per questo motivo il nostro non è un gruppo chiuso, ma aperto alla partecipazione diretta di chi ne fosse interessato.

Infine, ci piacerebbe che le compagne e i compagni interessati distribuissero questo fogliaccio dove lo ritengo opportuno nei territori in cui vivono.

Remiam finché la nave si schianti sui frangenti...

Per contattarci: frangenti@inventati.org

Progetto editoriale

Le parole e la vita. La quotidianità è come una polveriera: aspetta soltanto di essere messa a fuoco. Una critica radicale che incontra la sovversione, senza accontentarsi né della sublimazione dell’estetismo, né delle doverose prese di posizione, può suggerire la deriva. Per andare dove il piacere è materialmente tangibile, criticando le cronache quotidiane del dopobomba in modo irreversibile ed irrecuperabile: creando lo scarto con gli incubi lugubri dei bisogni
donandoci ai sogni dell’azione. Dimenticare la mera sopravvivenza dedicandosi all’ebbrezza della sediziosa tentazione di vivere. Insomma, un giornale caratterizzato dall’esplorazione di zone ignote della sensibilità e del desiderio, momenti attraversati anche da forme sovversive e irrazionali.
Consapevoli che non basta il lamentio di miserabili condizioni che costituiscono parte delle catene più forti mai forgiate dal potere: quelle della partecipazione e della schiavitù volontaria. Contro i corpi mostruosamente atrofizzati e separati, questi frangenti vogliono essere sacrilegio che imbratta fogli di echi non troppo lontani: sognare per agire, agendo così mentre il sogno lo si sta ancora vivendo.
Il mondo della vita in quanto essenza viva è quello della qualità, dell’abbandonarsi al coinvolgimento tumultuoso nella ricerca spasmodica della libertà: non quello della quantità della produzione e delle statistiche di numeri incolonnati. Le fratture nel quotidiano stimolano il furore dell’azione.
La rivolta non dipende soltanto dal disgusto, ma sa anche parlare di gioia. La gioia di affermare che, malgrado tutto, siamo vivi. Che, malgrado l’oppressione totalitaria, la leggerezza del negativo, di non voler essere e fare,  s'incontra con le possibilità di tessere delle relazioni reciproche di complicità.
Preferendo raggiungere gli esseri umani parlando di critica al quotidiano, afferrando il rifiuto di esistere solo come servi disciplinati, coinvolgendoci in avvenimenti dai risvolti sconosciuti, facendosi sbalordire da incontri insospettabili, spezzando i limiti e rovesciando le esperienze, per raccontare e rendere l’impossibile una possibilità concreta. Tutto scorre e questo tutto è l’incontro fra il tempo non più misurabile dal ticchettio degli orologi e lo spazio non più tracciato dai confini: l’insurrezione.

 

DOMENICA 23 APRILE
DALLE ORE 16
PRESSO L'INCIAMPO OCCUPATO (MILANO/CORVETTO/PIAZZALE GABRIELE ROSA)

Presentazione di Senza Misure: quel giorno che Cremona bruciò di gentilezza (S-edizioni 2016).
L'obiettivo non è quello di narrare e cronicizzare dei momenti specifici sotto la lente di ingrandimento, ma di prendere quello che è successo il ventiquattro gennaio a Cremona, cercando di mettere in discussione alcune fantomatiche certezze, volgendo lo sguardo altrove.
Un testo che non vuole mitizzare una giornata di rivolta ma vuole attraversare un contesto di ammutinamento, elemento indelebile per vivere il lungo viaggio verso l'utopia.

A seguire concerti benefit antifascisti/e con:

- The Arson Project (Svezia Grindcore)

- P.R.S.O.! (Serbia punk hardcore)

- Afasia ( Messina Eroic Punk Hardcore)

- Rauchers (Fastcore Garda)

- Warpath (Crust Disaster)

ENTRATA 4 EURO - BENEFIT SPESE LEGALI

Nella notte tra il 17 ed il 18 Febbraio 2017 in due vengono fermati mentre scrivevano sulla Sede di Casapound a Grosseto:

"Casapound è fascismo, sessismo, razzismo, omoobia e stupidità".

Molte ore dopo il fermo, sul posto vengono trovati due petardi e un walkie talkie.

La Procura di Firenze apre per i due un'indagine per atto di terrorismo.

L'INCIAMPO OCCUPATO, PIAZZALE GABRIELE ROSA, MILANO

FERMATA Metro (m3/gialla): Corvetto; Bus 77-84-93-95

"Frangenti" è un nuovo progetto a cadenza quindicinale scritto da alcuni compagni e alcune compagne, ma diretto a chiunque. I suoi contenuti, infatti, comprendono commenti ad alcuni fatti di cronaca locali, nazionali ed internazionali, una recensione di un libro, una riproposizione di un fatto del passato e un breve elenco di azioni.

Il suo formato è un agile A3 che ne permette una distribuzione ovunque ognuno od ognuna voglia diffonderlo: bar, biblioteche, stazioni, fermate del bus, scuole, carceri, ecc… Obiettivo di queste cronache del dopobomba è riuscire a raggiungere individui anche ben lontani dai nostri classici circuiti di discussione per offrire spunti e riflessioni, irritare o infastidire, incuriosire e coinvolgere.

E' una pubblicazione totalmente gratuita e non esiste redazione, nè vogliamo che ci sia. Per questo motivo il nostro non è un gruppo chiuso, ma aperto alla partecipazione diretta di chi ne fosse interessato.

Infine, ci piacerebbe che le compagne e i compagni interessati distribuissero questo fogliaccio dove lo ritengo opportuno nei territori in cui vivono.

Remiam finché la nave si schianti sui frangenti...

Per contattarci: frangenti@inventati.org

Progetto editoriale

Le parole e la vita. La quotidianità è come una polveriera: aspetta soltanto di essere messa a fuoco. Una critica radicale che incontra la sovversione, senza accontentarsi né della sublimazione dell’estetismo, né delle doverose prese di posizione, può suggerire la deriva. Per andare dove il piacere è materialmente tangibile, criticando le cronache quotidiane del dopobomba in modo irreversibile ed irrecuperabile: creando lo scarto con gli incubi lugubri dei bisogni
donandoci ai sogni dell’azione. Dimenticare la mera sopravvivenza dedicandosi all’ebbrezza della sediziosa tentazione di vivere. Insomma, un giornale caratterizzato dall’esplorazione di zone ignote della sensibilità e del desiderio, momenti attraversati anche da forme sovversive e irrazionali.
Consapevoli che non basta il lamentio di miserabili condizioni che costituiscono parte delle catene più forti mai forgiate dal potere: quelle della partecipazione e della schiavitù volontaria. Contro i corpi mostruosamente atrofizzati e separati, questi frangenti vogliono essere sacrilegio che imbratta fogli di echi non troppo lontani: sognare per agire, agendo così mentre il sogno lo si sta ancora vivendo.
Il mondo della vita in quanto essenza viva è quello della qualità, dell’abbandonarsi al coinvolgimento tumultuoso nella ricerca spasmodica della libertà: non quello della quantità della produzione e delle statistiche di numeri incolonnati. Le fratture nel quotidiano stimolano il furore dell’azione.
La rivolta non dipende soltanto dal disgusto, ma sa anche parlare di gioia. La gioia di affermare che, malgrado tutto, siamo vivi. Che, malgrado l’oppressione totalitaria, la leggerezza del negativo, di non voler essere e fare,  s'incontra con le possibilità di tessere delle relazioni reciproche di complicità.
Preferendo raggiungere gli esseri umani parlando di critica al quotidiano, afferrando il rifiuto di esistere solo come servi disciplinati, coinvolgendoci in avvenimenti dai risvolti sconosciuti, facendosi sbalordire da incontri insospettabili, spezzando i limiti e rovesciando le esperienze, per raccontare e rendere l’impossibile una possibilità concreta. Tutto scorre e questo tutto è l’incontro fra il tempo non più misurabile dal ticchettio degli orologi e lo spazio non più tracciato dai confini: l’insurrezione.

Per leggere via computer clicca su:

1 Web

Per stamparlo e diffonderlo clicca su:

1

ORE 21:

Fascismo e democrazia, un'idra a due teste.
A pochi giorni dal 25 Aprile, nessun carrozzone politicante ma
discutiamone insieme.

L’elemento più importante, in un sistema totalitario, non è dato tanto
da chi detiene il potere, ma piuttosto da come questo viene esercitato.
Purezza della razza o lo sviluppo dei mercati hanno comunque lo stesso
ignobile fine: il controllo assoluto.
La democrazia corrisponde all’essenza stessa del capitalismo, essendo il
funzionamento della società mercantile nella sua estensione.
Nei sistemi democratici è la stessa possibilità di una vita diversa ad
essere sradicata. Spesso non si lasciano lividi visibili sulla pelle,
come nella dittatura nazi-fascista, ma preventivamente si annulla ogni
consapevolezza spegnendo ogni desiderio, placando ogni tensione
attraverso l’anestesia delle passioni, come nel miglior incubo
goebbelsiano.
Allora, quale liberazione?